Cina a Milano- La rassegna cinematografica “Tales from China”

Dong Film Fest e Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano presentano : TALES FROM CHINA

Dong torna a Milano con Tales From China, una nuova rassegna cinematografica realizzata con il supporto dell’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano e in collaborazione con il cinema Beltrade.

L’iniziativa propone quattro giornate di proiezioni per quattro film di Jia Zhangke, che verranno proiettati in orario diurno al Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione dell’Università Statale di Milano, e quattro opere prime di autori cinesi esordienti, che verranno proiettati in orario serale al cinema Beltrade.

A ogni appuntamento saranno presentati due film, uno di retrospettiva e un esordio, legati tra loro per continuità territoriale o per contenuto così da esplorare diverse zone e vicende della Cina attraverso gli sguardi di uno dei più importanti autori cinesi contemporanei e di una nuova generazione di registi emergenti.

Si darà il via alla rassegna martedì 27 marzo alle 16.30 al Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione ma, salvo questo primo appuntamento, gli altri saranno sempre di mercoledì con doppie proiezioni giornaliere.

Martedì 27 marzo si inaugurerà con la presentazione dell’iniziativa a cura di Alessandro Amato, programmatore di Dong Film Fest e studioso di cinema e animatore culturale, e la proiezione di A Touch of Sin di Jia Zhangke (RPC anno 2013 – minuti 135). Il film ha partecipato a numerosi festival internazionali vincendo diversi premi tra cui il Toronto Film Critics Association Awards per il Miglior film straniero, il Prix du scénario al Festival di Cannes e i premi Miglior montaggio e Miglior musiche originali al Golden Horse Film Festival.

Il giorno seguente, mercoledì 28 marzo alle 20.00, verrà proiettato al cinema Beltrade: The Scope of Separation opera prima di Yue Chen (RPC anno 2017 – minuti 71). Il film è stato presentato in concorso ufficiale alla 35° edizione del Torino Film Festival.

Entrambi i registi, Jia Zhangke e Yue Chen, sono originari dello Shanxi ed esplorano due diverse storie di questa regione, il primo dedica un quarto del film al fallimento economico e sociale di un ricco imprenditore vessato dalla corruzione e il secondo racconta la quotidianità di un giovane viziato, cresciuto nell’agio e incapace di dedicarsi al proprio futuro. Inoltre, dallo scorso anno, lo Shanxi ospita il Pingyao IFF, unico festival cinese dedicato al cinema d’autore, creato da Marco Müller e Jia Zhangke che vede la direzione artistica di Marco Müller. Quest’ultimo sarà ospite della rassegna mercoledì 11 aprile per presentare i due film della giornata.

***

Dong Film Fest è nato nel 2016 dalla volontà di alcuni giovani studiosi e appassionati che hanno fondato l’associazione culturale Dong, sotto la direzione artistica di Zelia Zbogar con Giulia Carbone, Alessandro Amato e Clarissa Forte, membri del direttivo artistico, e Rita Russo, Federico Demontis, Diego Volpi ed Enrico Audenino. Lo scopo dell’associazione è promuovere progetti culturali di cooperazione tra Italia e Cina con l’obiettivo di presentare cinema cinese di qualità in Italia e quello italiano in Cina. Per maggiori informazioni: http://dongfilmfest.com/

L’Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano fa parte di una rete mondiale di 523 centri sparsi in 113 stati (14 in Italia) ideata per promuovere e diffondere la lingua e la cultura cinese attraverso l’accordo tra prestigiose università cinesi e straniere.